Una miriade di staffe TV affolla il mercato offrendo una possibilità di visione quanto mai diversificata: da muro, da soffitto, o da pavimento. E poi ancora: staffe manuali o motorizzate, fisse o mobili. Da poche decine di euro a qualche migliaio. Appendere il TV non è solo questione di necessità ma permette anche di guadagnare spazio e conferire ordine e pulizia per un arredamento minimal. Per ogni TV, c’è una giusta staffa TV. Ma come orientarsi nella jungla delle staffe?

Se non lo hai già fatto, ti consigliamo di leggere 10 cose che devi sapere prima di sceglierla

Ecco cosa troverete all’interno dell’articolo:
1) Staffe a soffitto
2) Staffa a pavimento
3) Staffa a Muro

Staffe a soffitto

Si tratta di scardinare il classico concetto del TV appeso al muro e capovolgere un pochino i nostri punti di vista. Le staffe a soffitto sono sicuramente più dispendiose di quelle a muro ma non hanno pari in termine di efficienza, estetica e funzionalità. Grazie a questo innovativo sistema sarà possibile collocare il televisore in svariati punti della stanza a seconda delle tue abitudini ed esigenze. Potrai optare per una staffa che rimane sempre visibile oppure per una a scomparsa nel soffitto, rendendo la tua esperienza di visione piacevole e confortevole.  Una chicca per gli ambienti di piccole dimensioni poiché vi permetterà di inserire il televisore senza dover sacrificare la disposizione dei tuoi spazi.

Staffa a scomparsa. Il meccanismo si nasconde completamente all’interno di una nicchia nel contro soffitto, a filo con esso. È possibile optare per modelli che lasciano visibile il televisore una volta richiusi oppure che nascondono completamente anch’esso. In ogni caso si aprono a libro, discendono fino a 70 cm circa e ruotano di 360°per essere orientati nella posizione di visione desiderata

Staffa visibile. Se la soluzione a soffitto vi piace e volete avere in mostra l’eleganza della staffa potrete optare per un supporto visibile e di grande impatto estetico. Avrete così la possibilità di liberare spazio ma allo stesso tempo donare un tocco di eleganza e stile al vostro salotto.

 

 

Tutte le staffe a soffitto possono essere controllate a distanza, con interruttori a muro o direttamente dal sistema di domotica. Gli antiestetici cavi sono nascosti all’interno della staffa garantendo ordine e pulizia.

Attenzione! Prima d’installare questo sistema è importante aver verificato la tenuta del soffitto. Deve essere di cemento o mattone pieno.

 

Staffa a pavimento

Sembra un’opzione bizzarra ma in realtà è così moderna e di design che sta spopolando sempre di più. La staffa TV a pavimento è senza dubbio funzionale oltreché una soluzione estetica di grande impatto.

Le staffe a pavimento possono essere dei semplici totem a cui agganciare il televisore (e altri dispositivi) oppure motorizzate. Quest’ultime permettono al televisore una leggera inclinazione, il posizionamento all’altezza desiderata, e la rotazione dello schermo di 360°.

Fisse o con pratiche ruote che permettono di spostare il televisore dove si desidera. Le staffe TV a pavimento divengono dei veri e propri elementi d’arredo oltreché fonte d’illuminazione grazie alla base led multicolore.

 


<

Staffa a Muro

Facile, semplice, veloce. Ecco le caratteristiche disponibili del supporto più diffuso nelle abitazioni domestiche.

Fisso. L’attacco fisso è il più economico e semplice da installare. È anche il più stabile se la TV è grande e pesante. In pratica consente di avere il televisore appeso al muro come se fosse un quadro, senza alcuna possibilità di movimento. Va bene se si guarda il TV dalla stessa distanza e posizione (es. solo dal divano a distanza fissa).

Inclinabile o tilt. Questa tipologia di supporto permette d’inclinare orientare il televisore in verticale garantendo l’inclinazione dello schermo verso l’altro o verso il basso. È ideale se ci sono problemi di riflessi luminosi o se si guarda il TV da postazioni con diverse altezze (es. in piedi, sedia e divano).

Girevole. La versione girevole consente il movimento anche sull’asse orizzontale ed è comodo per orientare il TV verso posizioni differenti all’interno della stessa stanza (es. in un open space sia dal divano, dal tavolo o mentre si cucina).

Attenzione! I supporti che sono al tempo stesso inclinabili e girevoli, per quanto sembrino risolvere molte necessità, rischiano di lasciarvi un televisore sempre un po’ storto. Questo perché, mentre si orienta il televisore a destra o sinistra, spesso si rischia di compromette di qualche grado anche l’inclinazione (anche se l’ingranaggio è stato ben stretto). Qualora non sia strettamente necessaria l’inclinazione, è preferibile optare solamente per l’orientamento sul piano orizzontale.

Braccio mobile. Queste staffe ti permettono di allontanare/avvicinare l’apparecchio dal muro e quindi facilitare la visione se il TV è un distante dal vostro punto di visione. Da valutare se avete un TV di medie dimensioni o non riuscite a soddisfare la distanza ottimale di visione

Ricorda! A eccezione del modello fisso è possibile trovare alcuni modelli con movimenti motorizzati.

 

Ora che conosci la staffa più adatta alle tue esigenze puoi approfondire le 10 cose che devi sapere prima di sceglierla.

Schermo del TV: perchè si misura in diagonale?

Lo sviluppo delle tecnologie degli ultimi anni è andato di pari passo con quello della loro principale interfaccia con il mondo reale: gli schermi.   L’ingresso della televisione nelle case La massiccia diffusione del televisore è stata una delle modalità con cui la...

Come convertire le dimensioni del Tv da pollici a centimetri

Fino agli anni novanta, il televisore era forse l’unico schermo presente nelle case. Chi ne possedeva uno era interessato non tanto all’oggetto in sé quanto a ciò che lo schermo proiettava. I consumatori non avevano esperienza, e quindi preferenze, tra uno...